titanbet-bonus-10-euro

Arriva il piano di azione europeo per il gambling online

Pubblicato In Rumors - da Il 4 novembre 2012

Dopo tanti mesi di incertezze e proclami, l’Unione Europea ha presentato il suo piano di azione comune per regolare il settore del gambling online. Il mercato di scommesse, poker e casino online ha registrato negli ultimi anni forti incrementi ed i dati riportati su www.poker.it ci danno la dimensione del fenomeno:

nel 2011 ben 6,8 milioni di europei hanno scommesso soldi online, generando ricavi pari a 9,3 milioni di euro per gli operatori del settore. Questi stessi ricavi dovrebbero arrivare a 13 milioni nel 2015.

Ma come è noto, anche in questo settore l’Europa è un mosaico di leggi: è vero che ogni stato tende a proteggere i giocatori, ma lo fa in modo diverso, anche perché diverse sono le condizioni di mercato. Pensate che in Portogallo, Svezia e Finlandia c’è un solo operatore,mentre in Olanda e Germania certe tipologie di scommesse sono completamente proibite. Ed infine c’è l modello italiano, adottato anche in Danimarca, Francia, Spagna ed Estonia, con più operatori di gioco che hanno la licenza per poter operare in Italia.

Già, ma come avviene la protezione transfrontaliera? Dove e come è tutelato un italiano che via internet scommette in un sito inglese? La pubblicità di un sito danese può comparire in un sito spagnolo? Il piano di azione comune europeo cerca di dare risposte transfrontaliere a queste ed altre domande, facendo rientrare in un quadro legislativo europeo comune la tutela dei giocatori, la regolamentazione della pubblicità dei siti di poker online, casinò e scommesse via internet. A partire dal 2013 le direttive del piano di azione saranno messe in atto.

Tags: