titanbet-bonus-10-euro

La Sequenza di gioco nel Poker Texas Hold’Em

Pubblicato In Poker - da Il 7 dicembre 2008

titan-poker-500

Il Poker Texas Hold’em, nelle sue varianti limit e no-limit, ha sempre le stesse regole sia che si giochi in un torneo dal vivo che nelle poker room online.

Nel Texas Hold’em si utilizza sempre un mazzo da 52 carte e si può giocare da un minimo di 2, nella modalità detta heads-up cioè testa a testa, fino a 10 giocatori per tavolo.

Vince la mano chi fa il punto più alto utilizzando qualsiasi combinazione tra le 2 carte che ha in mano e le 5 carte comuni scoperte sul tavolo. A questo proposito vogliamo sottolineare l’importanza di valutare man mano che la partita procede quale sia la più alta mano possibile (nut).

Nelle partite informali di solito il mazziere prende parte al gioco e quindi il suo ruolo passa di mano in mano in senso orario. Nelle partite ufficiali invece che possono giocarsi nei casinò o nelle poker room online il mazziere è esterno al gioco.

Per garantire però che tutti abbiano la possibilità di giocare per primi o per ultimi, c’è un bottone, reale o virtuale a seconda di dove si gioca, che contrassegna il mazziere fittizio e che gira in senso orario.

La posizione di chi dà le carte è, infatti, importante per la strategia di gioco o meglio la posizione dei giocatori rispetto al mazziere può fare la differenza.

I primi a giocare sono, infatti, più svantaggiati, perchè hanno pochissime informazioni sulle potenziali mani degli avversari, per questo di solito supporteranno solo mani forti.

Gli ultimi a giocare hanno invece molte informazioni a propria disposizione e possono valutare sia se è il caso di supportare anche una mano debole, arrischiandosi in un bluff.

Casino Bellini

Prima di distribuire le carte bisogna coprire il piatto con i Blinds.

Il buio, all’immediata sinistra del mazziere, metterà la metà della puntata minima, mentre il controbuio metterà una cifra pari alla puntata minima. Se si gioca alla variante limit 5/10 lo small Blind sarà di 2,5 ed il big Blind di 5.

A questo punto verranno distribuite 2 carte coperte a partire dal primo giocatore alla sinistra del mazziere, una alla volta, che costituiscono le carte personali dei giocatori, note come pocket hand o hole hand.

Adesso è arrivato il momento di valutare la forza della vostra mano. Le combinazioni di carte possibili nella mano iniziale sono 169 e quelle che hanno più valore sono le coppie alte tipo coppia d’assi, di re e donne e gli abbinamenti vestiti soprattutto se sono dello stesso seme, con l’asso, quindi: AK, AQ, AJ.

Dopo aver stimato il valore della nostra pocket hand proseguiamo con il primo giro di puntate chiamato Pre-Flop.

Inizia a parlare il giocatore subito a sinistra del controbuio e si procede in senso orario. Egli, a parte nei tornei, può anche diventare un terzo blind puntando il doppio del controbuio e assicurandosi la possibilità di parlare per ultimo, facendo lo “straddle” ovvero l’indeciso.

I giocatori possono al loro turno scegliere di:

– lasciare (fold), restituendo le carte al mazziere e perdendo le fiches dei blinds;

– vedere (Call), puntando una cifra pari a quella del bet più alto (nel caso del primo giocatore, pari al controbuio);

– rilanciare (Raise), aggiungendo una cifra a quella del bet più alto.

Europa Casino

A questo punto arriva la fase detta Flop e il mazziere se ci sono ancora giocatori a tenere aperta la mano dopo aver scartato la carta in cima al mazzo ne gira 3 sul tavolo.

Queste carte sono dette flop e rappresentano le carte comuni che i giocatori hanno a disposizione in questa fase per rivalutare la propria mano.

Si parte poi con un secondo giro di puntate, che questa volta inizia dal primo giocatore alla sinistra del mazziere, che ha la possibilità di passare o di fare la prima puntata.

Se tutti i giocatori chiamassero il check si passerebbe al turn (che vedremo dopo più dettagliatamente) e il mazziere dovrebbe girare la carta “gratis”, perchè nessuno avrebbe pagato per vederla, che andrebbe ad aggiungersi alle carte scoperte sul tavolo da gioco.

Prima di puntare anche in questa fase bisogna valutare bene la forza della propria mano e le possibilità che un avversario abbia le carte migliori. Se possediamo una mano forte e pressochè imbattibile ci conviene puntare leggero, invitando gli altri a restare in gioco. Se invece abbiamo una buona mano, ma con possibilità di essere battuta è meglio puntare alto per scoraggiare gli avversari.

Se infine la nostra mano necessita di altre carte per poter diventare vincente viene chiamata Drawing Hand e a questo punto bisogna fare un attento calcolo delle probabilità che ci capiti la carta giusta e che il gioco come si suol dire “valga la candela”. Se, infatti, il piatto fosse stato troppo basso rispetto alle probabilità di vincere o se dovessimo fare un bet troppo alto per restare dentro, converrebbe lasciare.

Per fare un esempio pratico: se la probabilità che esca la carta vincente è di 4 contro 1, punteremo solo se il piatto sarà già almeno di 4 volte superiore alla nostra puntata. In tal modo andremmo almeno a pari, visto che le probabilità dicono che almeno 1 volta in 5 mani analoghe dovremmo riuscire a vincere.

A questo punto siamo arrivati alla fase del Turn e River.

Se dopo il giro di puntate del flop ci sono ancora giocatori attivi, il mazziere, dopo aver scartato la prima carta sul mazzo, gira una quarta carta comune. Ora solitamente chi non ha una mano forte, dopo aver giudicato la situazione, lascia il giro, perchè è abbastanza comune che nella fase del Turn la puntata minima raddoppi, facendo diventare troppo costoso e rischioso un tentativo sbagliato. Anche in questo caso è il primo giocatore alla sinistra del mazziere il primo a parlare e si procede esattamente come nelle fase del Flop.

Se alla fine del giro ci sono almeno due o più giocatori che hanno fatto la medesima puntata si passa alla fase finale chiamata River, in cui il mazziere gira un ultima carta dopo aver scartato la prima del mazzo. Si passa così all’ultimo giro di scommesse, in cui solo chi abbia effettivamente una buona mano resterà in gioco, indipendentemente da quante chips abbia giocato fino a quel momento. Sarà sempre il primo giocatore alla sinistra del mazziere ad iniziare e quindi il turno di bet procederà con le stesse modalità delle fasi precedenti.

Tags: poker online , regole texas hold'em