titanbet-bonus-10-euro

L’ascesa del gioco d’azzardo online

Pubblicato In Notizie Casino Online - da Il 24 giugno 2013

Il 2012 è stato l’anno della decisiva consacrazione del gioco d’azzardo online in Italia. Di uso e consumo sempre più pubblico (incluso sui siti dei media che spesso lo attaccano), con i primi di dicembre è arrivato anche l’atteso via libera da parte dell’Amministrazione Autonoma anche per le slots sul web, che inizialmente era solo solo garanzia della sicurezza nei casinò online.

slot-machine-online

Questo ha portato un’offerta ancora maggiore e la conseguente dissoluzione di moltissime piattaforme non a norma. Un business dunque in costante crescita, in totale controtendenza rispetto a moltissimi altri settori, sferzati brutalmente dalla crisi economica ancora ben lontana dall’essere finita e ritirata in qualche aggiornato libro di storia. Che i giochi proposti dei casinò siano meritevoli di una visitina, è indubbio, ma che questo flusso di scommesse sia arrivato in un simile momento di difficoltà collettiva, resta un mistero bello e buono. Più o meno. Nel senso che l’enigma sta tutto nella logica, non nella pratica. Le misure promesse e sventolate dal Governo per rimettere in sesto il paese tardano ad arrivare. La gente allora, i cui conti non aspettano, tentano la carta più immediata. Vincere al gioco. Sperano di vincere al gioco.

Quali conseguenze?

Il 2013 è cominciato nel segno del gioco d’azzardo online, con i classici da tavolo verde & slots a guidare le specifiche classifiche. Ma c’è di più. L’input della rete ha dato anche il via alla creazione di sale da gioco effettive e oggi non c’è bar e/o tabaccheria senza una sorta di qualche gioco su cui puntare, con annessi sgabelli sempre occupati. Un esempio su tutti è la città di Venezia dove ha sede uno dei quattro casinò italiani. A distanza di pochi minuti dalla sua sede, nel giro di pochi mesi sono state aperte due sale d’azzardo. Sarebbe troppo bello pensare che chi si siede davanti a un Videopoker o lo Skill game di turno, smetta relativamente presto e comunque guadagnando sempre e comunque. L’altra faccia della medaglia infatti è che lo Stato sta rimpinguando le proprie casse con le tasche degli italiani più disperati, convinti che una scommessa a qualche slot con jackpot progressivo o il Superenalotto possa risolvere tutto. Molti si ammalano di gioco. I Ser.T hanno già cominciato a lavorare su questa dipendenza, trattandola alla stregua di alcol e droga. Qualcuno sta meglio, qualcuno molto peggio. Come sempre.   

Tags: